La suddivisione dell'Africa

Si parte dall'Africa

Ispirazioni 23/11/2020  By  Alessandro Simonetti

Si fa presto a dire Africa!

Troppo spesso quando si pensa all’Africa ci si immagina che sia un grande paese e non un continente quale in realtà è.


Fate una prova. Chiedete ad un vostro amico dove è andato in vacanza, vedrete che se è andato in India, Thailandia o Vietnam che sia, vi risponderà: “sono andato in India, Thailandia o Vietnam”. Se invece è andato in Kenya, facilmente la risposta sarà: “sono andato in Africa". Eppure, la superficie del continente africano è pari a 30.370.000 km² contro i 10.180.000 km² dell’Europa. Ma non solo, in Africa ci sono 54 paesi mentre in Europa 28. E ancora, il paese più grande dell’Africa è il Sudan con i suoi 2.500.000 km², a fronte dei 551.500 km² del più grande paese d’Europa, la Francia. E se ancora quanto sopra non bastasse nel continente africano si parlano oltre 2.000 tra lingue e dialetti. Nonostante tutto questo qualcuno si ostina a considerarlo un paese.

La suddivisione dell'Africa

Ho avuto la fortuna di frequentare l’Africa fin da bambino e questo mi ha permesso di poter meglio comprendere le sue enormi differenze e sfaccettature. Nella migliore delle ipotesi, i più conoscono la suddivisione che c’è tra Africa Subsahariana e Africa del nord. Questa suddivisione è abbastanza semplice da comprendere, infatti la barriera naturale è rappresentata idealmente ma anche graficamente sulle mappe dal deserto del Sahara. Così si parla di Africa del nord, Africa mediterranea, Africa magrebina è l’Africa dove l’influenza araba nei secoli si è fatta più sentire. Parliamo di paesi che si affacciano sul mar Mediterraneo come la Libia, l’Egitto, la Tunisia, l’Algeria ed il Marocco. Ma quando scendiamo sotto il deserto l’Africa ai più diventa tutta uguale. Cerchiamo quindi di dare qualche indicazione per aiutare a far nostre le differenze. Per fare questo dividiamo l’Africa in 3. Ogni “Africa” la definiremo con un nome. Queste definizioni, arbitrarie e assolutamente personali, ma a me hanno aiutato tanto a comprendere il complesso fenomeno che si chiama Africa. Quindi le tre “afriche” sono:

·      L’Africa degli uomini

·      L’Africa degli animali

·      Sudafrica e Namibia

Questa suddivisione si basa principalmente sugli interessi che un viaggiatore deve avere quando vuole programmare un viaggio nel “continente Africano”.

1. L'Africa degli Uomini

Quest’Africa coincide geograficamente con l’Africa occidentale, infatti parliamo di paesi come il Ghana, il Togo, il Benin, il Senegal, la Costa d’Avorio, il Mali, la Mauritania etc. etc. Tutti questi paesi hanno un minimo comune denominatore che li caratterizza, la centralità dell’Uomo rispetto agli animali. Qui di parchi nazionali ce ne sono pochi e, di conseguenza pochi sono gli animali. In questi paesi l’aspetto più interessante sono le varie etnie presenti che con le loro tradizioni, feste e villaggi, ne fanno un’attrazione vera e reale per il viaggiatore sensibile agli aspetti antropologici.

Le feste degli Ashanti in Ghana, i villaggi dei Tamberma in Togo, i Fon in Benin sono solo alcuni esempi di quante siano le popolazioni che vivono in queste aree e quanto siano diverse tra loro. Gli Ashanti sono degli orafi bravissimi e decorano monili d’oro preziosi sia intrinsecamente che per la loro lavorazione. I villaggi dei Tamberna sono interessantissimi dal punto di vista dell’architettura dei loro villaggi fortificati per custodire i granai. Assistere un rito Voudou in Benin non è proprio una esperienza per tutti, quello che per noi è poco più di una superstizione li assume tutte le caratteristiche di una religione di tutto rispetto.

La suddivisione dell'Africa

Ma, come dicevamo, non tutta l’Africa degli Uomini coincide con l’Africa occidentale, l’Etiopia, infatti fa parte di questa categoria senza dubbio, le Chiese monolitiche nelle città della Rotta Storica nel nord del paese (Gondar, Bahrdar, Lalibela ed Axum) sono testimonianze di una cultura profonda che affonda le sue radici nei secoli. Oppure come le tribu dei Kara, dei Turmi, degli Hammer che vivono le terre aride della valle dell’Omo, dove combattono ogni giorno con le asperità della nature per far sopravvivere le loro mandrie.

La suddivisione dell'Africa

2. L'Africa degli Animali

Per contro poi esiste un’altra Africa che chiameremo degli animali, diversamente dalla precedente gli animali sono i veri padroni di queste zone. Stiamo parlando di una zona molto vasta che va dall’equatore fino al tropico del capricorno. Se vogliamo identificare le nazioni, queste sono il Kenya, la Tanzania, l’Uganda, lo Zambia, lo Zimbabwe, il Botswana. In questi paesi esistono numerosi parchi nazionali come, ad esempio, il Masai Mara in Kenya, il Serengeti in Tanzania, il parco della Foresta di Bwindi in Uganda che ospita i famosi gorilla di montagna, il parco della Luangwa Valley in Zambia, il parco Hwange in Zimbabwe o il famosissimo Delta dell’Okavango in Botswana.

La suddivisione dell'Africa

Oltre a quelli citati ce ne sono talmente tanti altri che meritebbero una trattazione separata, tuttavia quello che qui vogliamo evidenziare è che gli animali sono i veri padroni anche perché protetti dai bracconieri in questi parchi nazionali. Ne deriva che questi sono paesi adatti per gli amanti della natura e della fauna, insomma in un parola agli amanti del Safari.
In queste zone vivono alcune popolazioni, come ad esempio i famosi Masai in Kenya e Tanzania, i Boscimani in Botswana o gli Himba di Namibia ma non sono popolazioni che hanno sviluppato una loro cultura caratteristica come quelle dell’Africa descritta precedentemente.

La suddivisione dell'Africa

3. Africa Australe: Sudafrica e Namibia

Perché a questi due paesi dedichiamo una categoria a sé? I motivi sono molteplici, ma principalmente si basano tutti su una motivazione, e cioè che sono due paesi che sono decisamente più sviluppati dal punto di vista economico e sociale. Questo significa che hanno delle città moderne come Johannesburg, o città caratteristiche come Città del Capo o Windhoek o ancora Swakopmund. Hanno una rete stradale moderna ed organizzata che permette viaggi fly and drive, fortemente sconsigliati altrove. Hanno infrastrutture alberghiere più simili a quelle americane o australiane che ad altri paesi africa. Gli spettacoli naturali che città come Cape Town  in Sudafrica o il Deserto del Namib e la costa della Namibia sono peraltro unici ed introvabili in Africa.

Un’altra motivazione è che probabilmente non si incastrano perfettamente nelle due categorie precedenti, infatti sia in Sudafrica che in Namibia ci sono aspetti culturali (gli Himba in Namibia e la storia dell’apartheid in Sudafrica) come ci sono dei parchi nazionali dove fare bellissimi safari (nel parco Kruger in Sudafrica e nell’Etosha in Namibia). 

La suddivisione dell'Africa

Ovviamente in Africa ci sono tanti altri paesi che non abbiamo citato, come il Malawi, il Mozambico, il Congo, la Repubblica Centrafricana o il Cameroun, ma abbiamo voluto prendere ad esempio quei paesi che maggiormente aiutano a capire la diversità del continente africano, smontando, spero, una volta per tutte che l’Africa non è un paese ma è un continente.

Non vedi l'ora di vivere emozionanti conoscere le etnie o fare straordinari safari in uno o più paesi dell'Africa? Scopri tutti i viaggi di African Explorer, il tour operator italiano specializzato in viaggi in Africa dal 1972!




Simonetti

Vuoi saperne di più su questo tema? Non esitare a contattarci!